Il Blog

Notizie, Consigli e Recensioni

Quello che non ti hanno detto sullo speck

Autore:

24 novembre 2019

speck foto.jpg

Sapevi che quasi tutto lo Speck è prodotto con carni straniere?


LO SAPEVI CHE LA QUASI TOTALITA' DELLO SPECK DELL'ALTO ADIGE IGP E' PRODOTTO CON MAIALI PROVENIENTI DALL'ESTERO?

No, non è una truffa.

Sia la legge italiana sia il disciplinare dello Speck dell’Alto Adige lo consentono legalmente.

Infatti la legge non impone di mostrare in etichetta la traccia della provenienza della carne quando si tratta di carne lavorata e addizionata di qualche ingrediente (sale e spezie nel caso dello speck)....resta solo l’obbligo di indicare la lista degli ingredienti e degli allergeni.
Anche il disciplinare si occupa solo della lavorazione e dell’affumicatura, impone che il prodotto sia lavorato in Trentino Alto Adige ma non pone limiti alla provenienza della materia prima.

D'altra parte i numeri parlano chiaro!

Nel 2012 sono state vendute 8.500.000 (Otto Milioni e mezzo) di baffe di Speck, delle quali più di 3.000.000 (tre milioni) erano marchiate “Speck dell’Alto Adige IGP”.
Ogni baffa di speck corrisponde a una coscia del maiale, quindi per produrne cosi tante serve macellare almeno 1.500.000 (un milione e mezzo) di maiali.
Sta di fatto però che in Trentino Alto Adige, nello stesso anno 2012 sono stati allevati e macellati poco più di 5.000 maiali (appena lo 0,3%)....numero che negli anni sta inesorabilmente diminuendo.

Ed il motivo è molto semplice!

In Germania, Olanda, e tutto il nord Europa si allevano maiali a bassissimo costo in allevamenti così detti "ad alta efficienza" dove i maiali ingrassano a una media di quasi 1kg al giorno.

Dietro a questa efficienza ci sono tecniche di allevamento eticamente discutibili, operai sottopagati e danni ambientali

Ma se il marchio IGP non è una garanzia per la nostra aspettativa di consumare un prodotto italiano, etico e secondo tradizione, come ci si può orientare?

È semplice.
Chi produce con materia prima estera a basso costo, potrá indicare la sigla IGP ma, non potendo mentire, si guarderà bene da fornire informazioni aggiuntive sulla provenienza delle carni.
Al contrario chi, con costi molto più alti, produce speck con carni suine Italiane o addirittura Trentine, lo indicherà in modo ben chiaro.

Ecco perché sull’etichetta del nostro Speck indichiamo non solo la provenienza delle carni ma anche nome e indirizzo dell’allevatore.

Andate voi stessi a verificare!!

A proposito!
Avete mai provato lo speck Primefood fatto con maiali di montagna del Trentino?

Class Letter Primefood tutorial per imparare a grigliare

Class
Letter

Tutti i segreti per cuocere la carne in
30 mini lezioni via email.

Iscriviti Gratis
Ebook gratuiti di Primefood per diventare esperti di carne

E-Book
Gratuiti

Porta la tua passione per la carne
ad un livello superiore.

GUARDA SUBITO